Il Napoli interrompe l’emorragia all’ultimo match del 2019. La squadra azzurra, che non vinceva in campionato dal 19 ottobre (match col Verona al San Paolo): vince 2-1 al Mapei Stadium con gol decisivo al 94′, dopo che era passata in svantaggio nel primo tempo per la rete di Traorè. I neroverdi, dopo un bel primo tempo, si fanno dominare nella ripresa: forcing per oltre 20 minuti da parte del Napoli, tante parate di Pegolo, un gol annullato, una traversa… fino a che arriva la rete decisiva a una manciata di secondi dalla fine del recupero con il colpo di testa ravvicinato di Elmas. Azzurri a 24 punti, a -11 dal quarto posto, neroverdi invece fermi a 19.

PRIMO TEMPO – Partenza a mille del Sassuolo, nonostante sia stato impegnato in settimana col Brescia: al 2′ Mario Rui chiamato a salvare sulla linea, al 4′ Duncan arriva facilmente al tiro e Meret ci mette una pezza. Sembra l’inizio di un’altra gara da incubo per Gattuso, anche perché al 29′ il Sassuolo concretizza il vantaggio: palla lanciata sul secondo palo, sbuca Traorè che in spaccata infila l’1-0 per i suoi. Incredibile al 43′ il contropiede sprecato dai neroverdi per il raddoppio: ripartenza quattro contro tre, appoggio di Locatelli a destra per Traorè che spara addosso a Meret. Brutto errore da parte del 19enne.

SECONDO TEMPO – Meglio invece gli azzurri nella ripresa, anche se nei primi dieci minuti ci sono altre due grandi occasioni per il Sassuolo: prima Boga scappa via sulla destra, calcia forte e colpisce l’esterno della rete; poi, al 53′, super giocata in area avversaria di Muldur e rasoiata con palla a lato di nulla. Il pareggio del Napoli arriva al 57′ con un grandissimo gol di Allan, il primo del suo campionato: si libera dell’avversario in posizione centrale e spedisce con un bel destro la palla all’incrocio, 1-1. Solo Napoli da lì in avanti: schema su punizione al 75′, Callejon riceve in piena area e di destro impegna Pegolo; poco dopo Zielinski appoggia in mezzo per Callejon che con il mancino prende in pieno la traversa con un siluro. Nello stesso minuto, traversone ancora dello spagnolo ex Real Madrid e incredibilmente Mertens, tutto solo in area, di testa non inquadra la porta. Il gol del 2-1 il Napoli lo meriterebbe e lo trova all’80’: tiro a giro di Mertens, Pegolo respinge sul corpo di Callejon ed è vantaggio partenopeo. Dubbi sulla posizione del classe ’87, infatti l’arbitro consulta il Var e annulla per fuorigioco. La formazione di Gattuso non demorde e spinge fino alla fine, sfiorando il gol anche con un tiro a giro di Mertens all’89’ e trovandolo infine al 94′ con Elmas, a tempo scaduto. Gattuso in festa con tutti i giocatori, lo staff e i tifosi.

Potrebbe interessarti

Savoia, l’abbraccio dei tifosi a squadra e società nel brindisi di fine anno

Di Luigi Capasso La buona fine è arrivata sul campo con 7 vittorie di fila e 12 risultati …