serie c logo

di Domenico Oione

Alla fine, dopo quattro lunghi anni, è arrivata l’assoluzione per il tifoso giallorosso.

Era il mese di febbraio dell’anno 2016 e si giocava il derby calabrese tra le due squadre di Cosenza e Catanzaro, finita col risultato di 1-1. Durante l’incontro un tifoso del Catanzaro fu denunciato in quanto reo di aver lanciato un fumogeno in campo.

Tale, fu raggiunto dal provvedimento del Daspo del tribunale monocratico di Cosenza e per la lungaggine della giustizia, finalmente lo stesso Tribunale lo ha scagionato dal reato ascritto all’epoca.

Infatti la sentenza recita. “Assolto perché il fatto non sussiste”. Un’assoluzione con formula piena emessa dallo stesso giudice monocratico dopo che è stato accertato, dalle immagini di videosorveglianza, uno scambio di persona, tesi sostenuta dal suo avvocato difensore. Termina così un lungo calvario, come tanti, toccato ad un uomo che era estraneo ai fatti accaduti.

Potrebbe interessarti

Sorrento: ancora in stand-by la figura dell’allenatore

di Domenico Oione Avanti a piccoli passi aspettando il prossimo campionato 2020/2021, anch…