Costacurta, il figlio in ospedale picchiato da alcuni poliziotti

- Advertisement -

Il 16enne Achille Costacurta, figlio del difensore ex Milan Billy e della showgirl Martina Colombari, ha raccontato sui social di esser stato vittima di una violenta aggressione da parte di alcuni poliziotti. Secondo la versione del giovane, le autorità l’hanno aggredito dopo esser state definite “sbirrazzi” dallo stesso Achille, costringendolo a passare la notte in ospedale.

Costacurta Jr. in ospedale: la denuncia social verso i poliziotti

Attraverso varie stories di Instagram, Costacurta Jr. ha mostrato i vari ematomi e la maglietta macchiata di sangue, raccontando di aver passato una notte presso l’Ospedale di Parma in seguito ai traumi riportati. Ha inoltre aggiunto la sua versione dei fatti: “Questo è quello che succede a un ragazzino di 16 anni dalla Polizia di Stato, che la gente elogia tanto. Mi hanno picchiato e per precisare mi di hanno perforato il timpano e mi devo operare. Solo per averli chiamati sbirrazzi. Un bel 100k ce lo facciamo dare questa volta” rincarando poi la dose: “Volevo ringraziare ancora Giovanni e i suoi 4/5 colleghi che mi hanno picchiato. La Polizia di Stato a un ragazzo di 16 anni… Lo prende così e lo picchia, gli fa perforare il timpano. Mi dovrò operare, sono qui in ospedale. Non sto molto bene, grazie mille di tutto“. Il figlio di Billy ha poi chiosato con un lapidario “Basta abuso di potere“, specificando anche di non avere opposto alcuna resistenza.

 

Costacurta jr. picchiato dalla Polizia: le conseguenze

Per il momento né Martina Colombari né suo marito Billy Costacurta hanno voluto commentare pubblicamente la vicenda, preferendo il silenzio finché non si siano chiarite le dinamiche. Anche la Questura di Parma attualmente ha evitato ogni commento in merito ai fatti denunciati da Achille Costacurta.

- Advertisement -

Articoli correlati

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi l'articolo

Speciale Europei

Gli ultimi articoli

Newsletter

Subscribe to stay updated.

P