Ha davvero dell’incredibile quanto avvenuto in Spagna. Il programma del mercoledì ha offerto tre gare di Liga e due di Copa del Rey. Ed è proprio nella coppa nazionale che c’è stato un risultato clamoroso. Il Real Madrid è uscito sconfitto dal campo dell’Alcoyano, squadra che milita nella Segunda Division, categoria paragonabile alla nostra Serie C.

Alcoyano – Real Madrid | I blancos perdono ai supplementari

Ampio turn-over per Zidane in occasione del match di coppa. La sfida contro l’Alcoyano ha concesso ai big di rifiatare. E come ci si aspettava il Real è partito subito forte ed il primo tempo si è chiuso con i blancos in vantaggio grazie al gol di Militao al 45′. Prima frazione dominata dai galacticos con i padroni di casa che non hanno mai calciato verso la porta difesa da Lunin e Real con quasi l’80% di possesso palla.

Nel secondo tempo Vicente Mir, tecnico dell’Alcoyano, ha cercato di smuovere le carte in tavola con i tanti cambi. Gli uomini di Zidane hanno continuato a dominare ma in maniera sterile. Così il tecnico francese ha inserito Benzema al posto di Mariano. Ma l’efficacia in zona gol non è cambiata. Anzi. All’80’ è arrivato il clamoroso gol del pareggio casalingo, confezionato proprio da due calciatori partiti dalla panchina. Sugli sviluppi di un corner Solbes si trova al posto giusto dopo una spizzata sul primo palo di Ramon Lopez. È stato l’unico tiro nello specchio dell’Alcoyano. Col risultato di parità, squadre ai supplementari.

Zidane ha calato il tris d’assi mettendo in campo Asensio, Hazard e Kroos. E se non bastasse al 110′ l’Alcoyano è rimasto pure in dieci dopo l’espulsione di Ramon Lopez per doppia ammonizione. Ma dopo cinque minuti è arrivata la beffa definitiva. Cross dal fondo di Diakitè e Casanova ha anticipato Lunin in acrobazia col pallone finito in fondo al sacco.

Coppa del Re | Real eliminato, Zidane sotto accusa

Un’eliminazione ai sedicesimi, contro una formazione di Segunda Division, tra l’altro assai distante dall’Ibiza capolista del proprio girone, che ha scatenato le critiche dei media spagnoli. Sotto accusa l’allenatore delle Merengues Zinedine Zidane, che pure non è stato clemente con sé stesso: “La colpa è mia ma non è una vergogna”. Ha dichiarato il tecnico francese.

Quella di Alcoyano è stata la goccia che rischia di far traboccare il vaso. Dopo lo zero a zero con l’Osasuna, penultimo in classifica, il Real ha visto i cugini dell’Atletico avanzare a quattro punti di vantaggio in classifica. Il tutto considerando che Simeone ha ancora due partite da recuperare. Una settimana fa invece, l’eliminazione nella semifinale di Supercoppa contro l’Athletic Bilbao, che ha poi vinto il trofeo.

Con una qualificazione agli ottavi di Champions conquistata all’ultimo turno in un girone non proprio di ferro, la stagione madridista non è certo esaltante. Molto lontana dalle abitudini dei tifosi del Santiago Bernabeu, che adesso chiedono una svolta a partire dalla guida tecnica. Si potrebbe profilare una rivoluzione in casa Real Madrid a partire dall’arrivo di Alaba, che in estate arriverà in camiseta blanca a parametro zero.

Potrebbe interessarti

Sampdoria – Atalanta 0-2 | Video sintesi, gol e highlights da YouTube

Dopo la sconfitta con il Real Madrid, l’Atalanta torna a giocare in campionato e tor…