È sempre una grande festa ed un grande orgoglio quando la nostra regione, la Campania, è chiamata ad ospitare una gara di una delle nostre nazionali. Orgoglio che cresce oltremodo visto che ospite di Benevento sarà, venerdì 8 a partire dalle 17.30, la Nazionale Femminile, opposta alla Georgia alla ricerca di altri tre punti sulla strada, ancora lunga, della qualificazione all’Europeo che nel 2021 si terrà in Inghilterra.

Dopo averci fatto trepidare e gioire al Mondiale tenutosi in Francia questa estate, le ragazze di Milena Bertolini ben si stanno comportando in queste qualificazioni, dove hanno sempre vinto e guidano con la Danimarca il girone. Proseguendo anche nell’opera di affermazione di un Calcio Femminile finalmente in crescita anche nella nostra Penisola, in anteprima della gara, al Salone del Coni di Benevento ci sarà un clinic, riservato agli allenatori ma aperto al pubblico, in cui, dopo i saluti di rito delle massime autorità calcistiche e sportive, Manuela Tesse, allenatrice professionista e tra le pioniere di questa disciplina, illustrerà i dati, atletici e tecnici, delle prestazioni delle azzurre tenutesi proprio al mondiale.

A seguire ci sarà l’intervento di Renzo Ulivieri, allenatore di lungo corso, direttore della Scuola Allenatori del Settore Tecnico di Coverciano, soprattutto presidente dell’Aiac, l’associazione di categoria che per prima ha promosso il Calcio Femminile in Italia. L’intervento di Ulivieri, tra l’altro allenatore di una squadra femminile nel campionato di Serie C, farà il punto della situazione, con questa disciplina ormai avviata a crescere  sempre più, soprattutto dopo l’interesse delle televisioni e degli sponsor, ma anche con le compagini maschili che hanno iniziato ad investire massicciamente nel femminile, come dimostrano la Juventus, campione d’Italia, ma anche la Fiorentina, la Roma, il Milan, l’Inter, tutte militanti nella Serie A femminile. Subito dopo tutti gli accreditati partecipanti al clinic si sposteranno al “Vigorito” per assistere alla gara e tifare per le Azzurre. 

Potrebbe interessarti

Palo maledetto, poi la beffa: Savoia fuori dalla Coppa Italia

  All’ultimo rigore, nella porta in cui il Savoia riesce a colpire anche due pali. Es…