Si chiude la fase a gironi della Champions League, pur con molte squadre già qualificate, non sono mancate le sorprese.

Lazio agli ottavi di Champions dopo vent’anni

Riesce nell’impresa la Lazio, padrona del proprio destino nella gara con il Club Brugge, per andare avanti, da seconda, occorreva un pareggio ed esso è venuto, ma non sono mancati i patemi. Sembrava, infatti mettersi tutto per il meglio per la squadra di Simone Inzaghi, in vantaggio anche abbastanza presto con Correa e capace di reagire al quasi immediato pareggio belga di Vormer. Immobile su rigore riportava ancora avanti i suoi, l’espulsione di Sobol sembrava mettere al sicuro i biancazzurri. Invece i belgi, con un secondo tempo di carattere, creavano più di un grattacapo alla retroguardia laziale, arrivavano al pari ad un quarto d’ora dal termine, che si trasformava in una passeggiata infernale per gli italiani. Per fortuna tutto culminava solo in una traversa degli ospiti colpita al 92’, il triplice fischio di Cakir era liberatorio e finalmente si poteva festeggiare il passaggio del turno.

Nell’altra gara, vittoria per il Borussia Dortmund in casa dello Zenit S. Pietroburgo (2-1), ma i tedeschi erano già primi e qualificati.

Impresa Juventus a Barcellona ed è prima

Partita di fascino ma non determinante ai fini della qualificazione quella tra Barcellona e Juventus, incentrata sulla sfida tra Cristiano Ronaldo e Messi, con i bianconeri che avevano il difficile compito di segnare almeno tre gol per arrivare primi. La partita si trasforma in un vero trionfo per i bianconeri, per la prima volta in stagione all’altezza del grande potenziale tecnico che viene loro riconosciuto. Vendicando anche il match di andata, i ragazzi di Pirlo si mostrano da subito in palla e ben organizzati, andando in rete con un rigore di Ronaldo e una bella rete di Mckennie. I blaugrana sono stati annichiliti, il terzo gol di Ronaldo, sempre su rigore, consegna alla Juventus non solo il primo posto del girone, ma anche tante certezze finora mancate in campionato.

Nell’altra gara vittoria della Dynamo Kiev sul Ferencvaros (1-0), con ucraini che vanno in Europa Legaue.

L’Atalanta vince ad Amsterdam

Non è un’Atalanta tranquilla quella che deve affrontare l’Ajax, pur avendo due risultati su tre per passare il turno. Il primo tempo è lento e involuto, nessuna delle due squadre riesce a superarsi, va bene cos’ alla squadra di Gasperini, che però deve aspettarsi l’arrembaggio olandese nella ripresa. Nel secondo tempo, invece, i nerazzurri sono più vivaci, e la partita si decide su tre episodi: lo sbilanciamento della squadra di ten Hag alla ricerca del gol, l’espulsione di Gravenberch e il gol del veloce Muriel. Questo porta la vittoria, e la qualificazione per il secondo anno consecutivo alla seconda fase della Champions.

Nell’altra partita, il Liverpool concede un pareggio d’onore al Midtjylland (1-1).

Anche senza biscotto l’Inter è fuori

Poteva solo vincere l’Inter che affrontava lo Shakhtar Donetsk, confidando nella vittoria del Real Madrid contro il Borussia Moenchengladbach. Il primo tempo dei nerazzurri è in realtà confuso, poco arrembante, l’unico pericolo è una traversa colpita da Martinez a inizio frazione. Troppo poco, nonostante le buone notizie che arrivano dalla Spagna. Nella ripresa le cose cambiano poco, la squadra di Conte crea qualche pericolo più di forza che di lucidità, scontrandosi con la difesa ucraina e le buone parate di Trubin, e la partita scivola via. Alla fine è zero a zero, come altre volte l’Inter si fa male da sola, con ancora più amarezza perché il Real fa il suo vincendo con i tedeschi (2-0), e per i nerazzurri sfuma anche l’Europa League.

United a sorpresa fuori dalla Champions

Tra le sorprese comunque maturate in quest’ultima giornata, clamorosa quella dell’eliminazione del Manchester United, che perde in casa del Lipsia (3-2) e deve cedere il passo agli stessi tedeschi e al Paris St. Germain.

Le qualificate

In attesa del sorteggio di lunedì, risultano quindi qualificate, come prime:

  • Bayer Monaco (GER)
  • Real Madrid (SPA)
  • Manchester City (ING)
  • Liverpool (ING)
  • Chelsea (ING)
  • Borussia Dortmund (GER)
  • JUVENTUS
  • Paris St. Germain (FRA)

Come seconde

  • Atletico Madrid (SPA)
  • Borussia Moenchengladbach (GER)
  • Porto (POR)
  • ATALANTA
  • Siviglia (SPA)
  • LAZIO
  • Barcellona (SPA)
  • Lipsia (GER)

Vanno in Europa League:

  • Salisburgo (AUS)
  • Shakhtar Donetsk (UCR)
  • Olympiakos (GRE)
  • Ajax (OLA)
  • Krasnodar (RUS)
  • Club Brugge (BEL)
  • Dynamo Kiev (UCR)
  • Manchester United (ING)

Potrebbe interessarti

Partite Serie A: il punto della 36° giornata

Manca solo un’ultima gara per la conclusione della trentaseiesima giornata di Serie A, ma …