Dopo lo stop di tutti i campionati di calcio italiani dovuto al covid19, alla ripresa di tutto il meccanismo in casa Cavese abbiamo registrato molte novità. Sulla panchina metelliana, infatti, vi è stato un cambio tecnico. Il patron Santoriello ha richiamato al suo capezzale mister Modica che lasciò, a campionato in corso, la staffetta a Salvatore Campilongo. Richiamato anche il DG Peppe Pavone che insieme a mister Modica ha plasmato la nuova Cavese 2020/21, confermando alcuni elementi della rosa esistente, scelti, per altro, dallo stesso Modica ad inizio dello scorso campionato e a cui sono stati aggiunti nuovi atleti provenienti da vari club professionistici italiani.

Amaro, però, l’esordio al “Lamberti” dopo l’esilio di Castellammare dello scorso campionato. Sconfitta in casa per 0-1 dalla Vibonese. Non meglio la seconda gara, giocata sempre in casa contro il Bari e sconfitta dai pugliesi con il punteggio di 2-3.

Il derby

Un poco meglio nel derby salernitano giocato contro la Paganese al ”Marcello Torre” domenica scorsa. Un pareggio ad occhiali che consente alla Cavese di Modica di muovere la classifica. Uscita indenne dalla trasferta di Pagani, al termine dei 90 minuti di gioco Giacomo Modica si dice soddisfatto della sua squadra che ha giocato in inferiorità numerica per buona parte della gara, nutrendo anche molti dubbi sul gol annullato al suo aquilotto De Paoli: “Siamo contenti del risultato ma anche rammaricati dal fatto di non aver potuto giocare la partita in parità numerica. Non siamo purtroppo stati abbastanza intelligenti da poter continuare a giocare in undici contro undici, e quindi poi è diventata sofferenza, perché per settanta minuti abbiamo giocato in dieci, ma la squadra ha saputo comunque stare bene in campo, ha fatto ciò che doveva fare, cercando di produrre delle ripartenze importanti – dice Modica -. Nel primo tempo abbiamo sprecato delle occasioni importanti, e poi nella ripresa abbiamo fatto più fase di difesa, loro sono stati bravi anche ad aggirarci in diverse occasioni, ma abbiamo saputo stare bene in campo. Il punto preso ci soddisfa, ma c’è del rammarico per non aver potuto giocare in undici contro undici”.

Parla Erra

Partita equilibrata, invece, per mister Erra: “È stato un derby equilibrato nei primi 30’, mentre nel secondo tempo, anche grazie alla superiorità numerica, abbiamo preso il pallino del gioco in mano ma non siamo stati bravi a portarla a casa. Loro invece si sono difesi molto bene, poi ad un certo punto hanno giocato con il cronometro e ciò ha reso la gara molto spezzettata. C’è tanto rammarico per il pareggio poiché abbiamo giocato a trazione anteriore e non abbiamo trovato il varco giusto. Non dobbiamo però abbatterci perché stiamo provando ad avere un’omogeneità fisica con giocatori arrivati da poco, speriamo di trovarla quanto prima”. Incamerato il primo punto della stagione, ora nella valle metelliana tutti si aspettano la prima vittoria degli aquilotti che si spera arrivi domenica prossima al “Lamberti” dove andrà di scena Cavese-Viterbese.

Potrebbe interessarti

Cavese, ancora una sconfitta: la Viterbese passa al “Lamberti” con un netto 0-2

CAVA DE’ TIRRENI – (Servizio di Nello Bisogno) – La Viterbese fa colpo grosso al …