Di Luigi Capasso

Un capolavoro. Tecnico e tattico. Il Savoia rifila la prima sconfitta stagione ala Palermo. Il blitz in casa della corazzata porta la firma di tutti i protagonisti, della società, dell’allenatore. Diakite spinge il pallone dell’1-0 in porta regalando alla squadra  rivincita dopo una settimana di agguati mediatici.

Di azioni da ricordare sono rarissime in un match bloccatissimo. La squadra di Carmine Parlato ha un’attenzione maniacale, non sbaglia praticamente nulla dal punto di vista tattico, bloccando sul nascere ogni iniziativa dei padroni di casa. Solo in qualche caso gli errori individuali consentono al Palermo di avvicinarsi all’area oplontina, ma scaturiscono anche dalla differenza che c’è tra il sintetico a cui la squadra è abituata e l’erba naturale. La retroguardia Dionisi-Guastamacchia-Pozzillo è impenetrabile. Per lunghi tratti del match il Savoia ha addirittura in mano il pallino del gioco e dimostra un’incredibile tranquillità al cospetto di un avversario che ha già ipotecato la promozione in serie D. I rosanero si fanno vedere su un gol annullato a Riccardo per fuorigioco, ma per tutto il resto dell’incontro Coppola e Pelagotti non sono mai costretti a intervenire in una partita dai ritmi comunque alti e molto combattuta fisicamente con mischie che si accendono un po’ ovunque. Il Savoia non si lascia mai intimorire dai rivali in campo del Palermo e fortunatamente neanche l’arbitro che ad ogni fischio viene avvicinato puntualmente da tre o quattro calciatori siciliani.

A 20′ dalla fine, poi, la squadra di Pergolizzi resta in dieci uomini per l’espulsione di Ficarrotta che diffida un calcio a Oyewale che gli recupera un pallone. 

La svolta arriva al 75’, quando un lancio delle retrovie innesca Diakitè che a tu per tu con Pelagotti tocca mettendo la sfera sul palo opposto anticipando l’intervento del portiere per il vantaggio della formazione di Carmine Parlato. Su un’azione fotocopia l’attaccante oplontino conclude al volo portandosi avanti il pallone ma Pelagotti è bravo. A divorarsi un gol clamoroso è Osuji che viene lanciato e a tu per tu con il portiere prende la mira e mette di poco a lato. La vittoria del Savoia è più che meritata, adesso inizia un nuovo campionato.

Potrebbe interessarti

Savoia, l’abbraccio dei tifosi a squadra e società nel brindisi di fine anno

Di Luigi Capasso La buona fine è arrivata sul campo con 7 vittorie di fila e 12 risultati …