Mauro Icardi

Mauro Icardi è sempre di più un corpo estraneo della nuova Inter di Antonio Conte. L’argentino è stato cercato e tentato dal Napoli per più di due mesi ma ha sempre giurato amore eterno ai nerazzurri che nel frattempo cercavano(e  cercano ancora) una pretendente per vendere l’assistito di Wanda Nara. A tal proposito sono molto pesanti le parole al Corriere dello Sport che ha rilasciato l’avvocato Giuseppe Di Carlo che sta assistendo Mauro Icardi nell’arbitrato contro l’Inter.
“Prima di arrivare a questo punto, a inizio agosto avevo inviato al club una diffida perché Icardi fosse reintegrato pienamente negli allenamenti. Come risposta ho ricevuto una nota formale della società che affermava che è integrato nel gruppo, mentre è noto a tutti che non svolge le esercitazioni tecnico-tattiche. E’ unilateralmente considerato sul mercato nonostante un contratto fino al giugno 2021 e la sua dichiarata volontà di rispettarlo. Anche se si tratta di una prassi consolidata, mi domando se è corretta: questo arbitrato può trasformarsi in una questione di diritto per il futuro.”
È giusto esigere un trattamento paritario agli altri calciatori dell’Inter. Ora vediamo che tipo di pronuncia ci sarà. Se Icardi cambierà maglia, il procedimento terminerà. Lui soffre per questa situazione dal punto di vista psicologico. Non è normale subire una discriminazione come quella che sta subendo lui: tralasciando la vicenda della fascia, l’assenza nelle foto e il numero tolto, c’è la questione degli allenamenti”.

Potrebbe interessarti

Le pagelle di Napoli-Sampdoria 2-0: Mertens è letale, Meret ed Elmas futuri campioni

Meret 7: Nel primo tempo si deve superare in almeno 2 occasioni, nei momenti decisivi most…