Benevento – Udinese 2-4 | Le Streghe vedono i fantasmi della retrocessione

- Advertisement -

di Stefania Fina

Benevento (3-5-2): Montipo’; Glik, Barba, Caldirola; Depaoli (56’ Ionita), Dabo (70’ Insigne), Hetemaj (56’ Falque), Viola (46’ Schiattarella), Improta; Lapadula, Sau (22’ Gaich). A disp.: Manfredini, Lucarelli, Pastina, Di Serio, Diambo. All. Inzaghi

Udinese (3-5-2): Musso; Bonifazi, Nuytinck, Becao; Molina, De Paul, Walace, Arslan, Larsen (70’ Samir); Pereyra, Okaka (70’ Braaf). A disp.: Scufett, Gasperini, Samir, Ouwejan, De Maio, Zeegelaar, Micin, Makengo, Llorente, Forestieri. All. Gotti

Arbitro: Mariani di Aprilia
Assistenti: Scarpa-Rossi
Quarto uomo: Marchetti
Var: Doveri
Avar: Longo

Ammoniti: 34’ Musso (U), 72’ Walace (U), 82’ Schiattarella (B)

Marcatori: 4’ Molina (U), 31’ Arslan (U), 34’ Viola (B), 50’ Larsen (U), 73’ Braaf, 83’ Lapadula (B)

Rec: 5’ pt; 4’ st

I giallorossi cadono al “Ciro Vigorito” contro l’Udinese e si complica la lotta salvezza. La prima rete degli ospiti arriva già al 4’ di gioco con Molina, lasciato tutto solo davanti a Montipo’. Al 31’ i bianconeri raddoppiano con Arslan. Il Benevento accorcia le distanze al 34’ con Viola su calcio di rigore. Nella ripresa, al 50’ arrivano la terza rete dell’Udinese con Larsen e al 73’ la quarta con Braaf che prova a chiudere il cerchio. Accorcia ancora le distanze Lapadula al 83’.

Le scelte iniziali di Benevento e Udinese

Il Benevento si presenta al “Ciro Vigorito” ripartendo dal 3-5-2 che a Genova ha dato ottimi risultati. In porta mister Inzaghi conferma Montipo’. In difesa vediamo Glik, Barba e Caldirola che sostituisce Tuia. In mediana scendono in campo Depaoli e Improta sugli esterni mentre al centro si posizionano Dabo, Hetemaj, Viola. In avanti vediamo Lapadula e Sau che per infortunio sarà sostituito da Gaich.

La squadra ospite risponde con lo stesso modulo. Mister Gotti recupera Rodrigo De Paul. In porta vediamo Musso. In difesa si posizionano Bonifazi, Nuytinck e Becao. In mediana vediamo sugli esterni Molina e Larsene mentre al centro ci sono De Paul, Walace, Arslan. In attacco si schierano Pereyra e Okaka. Parte male il Benevento.

Benevento – Udinese: la cronaca della partita

Al 4’ Molina si invola in area dalla destra e calcia direttamente in porta. La palla finisce nell’angolino basso della porta. I padroni provano a reagire più volte ma i bianconeri bloccano ogni iniziativa avversaria. Al 15’ Hetemaj la mente in mezzo ma Musso intercetta. Al 16’ grande occasione per il Benevento. Glik si trova in area e calcia dritto in porta. Musso respinge.

Al 22’ esce Sau per infortunio. Al 27’ ci prova Dabo a calciare in porta ma intercetta Lapadula che prova a girarsi in area. Purtroppo l’attaccante giallorosso viene fermato dalla difesa avversaria. Il raddoppio degli ospiti al 31’ di gioco. Pereyra dalla destra crossa per Arslan all’altro lato dell’area. Il giocatore bianconero insacca nell’angolino.

Al 33’ rigore per il Benevento. Sul dischetto si posiziona Viola che calcia e batte Musso senza difficoltà. Al 40’ doppia azione del Benevento. Prima Gaich calcia in porta ma il tiro viene respinto. Subito dopo, intercetta Caldirola che calcia da centro area ma Musso respinge. Nel recupero ci prova Hetemaj ma Musso respinge.

Il secondo tempo tra campani e friulani

Al 48’ Dabo trova la giocata giusta e la mette in mezzo. La palla si scontra col muro avversario. Al 50’ arriva il terzo gol degli ospiti. A metterci la firma è Larsen. Al 61’ Dabo tenta la conclusione dalla destra e calcia in porta. Musso risponde. Al 64’ Okaka viene lasciato solo in area e calcia. La palla finisce alta sopra la traversa. Al 69’ Caldirola calcia in porta con decisione. Musso respinge miracolosamente.

Al 73’ gli ospiti raggiungono quota quattro gol. Braaf s’invola in area dalla destra e batte Montipo’ nell’angolino. Attacca ancora l’Udinese. Al 75’ Molina tenta la conclusione dalla sinistra ma spara alto. All’83’ arriva il raddoppio dei giallorossi con Lapadula che batte Musso senza difficoltà. Il Benevento prova ancora ad accorciare le distanze ma senza successo.

L’avversario è pronto a bloccare ogni iniziativa avversaria. Dopo 4 minuti di recupero, Mariani dice che può bastare. La gara termina con il risultato di 2-4.

- Advertisement -

Articoli correlati

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi l'articolo

Speciale Europei

Gli ultimi articoli

Newsletter

Subscribe to stay updated.

P