Avellino – Teramo 0-0

- Advertisement -

L’Avellino al “Partenio”, che dal 2022 cambierà faccia, non va oltre lo 0-0 contro il Teramo. La formazione di Braglia viene agganciata a 67 punti dal Catanzaro che batte 2-0 la viterbese e fa scivolare gli irpini al terzo posto. Il futuro dell’Avellino non è più nelle sue mani, ma in quelle del Monopoli che domenica, nell’ultima di campionato, deve battere il Catanzaro e nel contempo l’Avellino deve battere la Cavese, per ritornare seconda.

Avellino – Termano: che misero pareggio

Si assiste subito ad una partita avara d’emozioni, anche se la prima occasione del match arriva al 16’ ad opera del Teramo che con Birilgea che manda a lato. Il primo squillo dell’Avellino arriva al 34’ con Maniero che si vede respingere la sua conclusione in angolo. La ripresa si apre subito con un brivido per l’Avellino: Forte compie un miracolo sul tiro di Kyeremateng. Al 64’ D’Angelo calcia potente in porta, con un difensore abruzzese che si oppone. Poco dopo la formazione di Braglia va di nuovo vicino al gol: cross di Tito colpo di testa ravvicinato di Maniero con l’estremo difensore ospite ad opporsi. Sul finale di gara (89’) Fella si divora il gol della vittoria mancando l’ultimo aggancio i testa per battere Lewandowski.
Al Partenio finisce 0-0 tra l’incredulità dei pochi presenti per il secondo posto perso a favore del Catanzaro, che aggancia l’Avellino a 67 punti, ma a causa della differenza reti la formazione irpina scivola al terzo posto. Ora l’Avellino dovrà vincere la prossima contro la Cavese, che ufficialmente, complice la sconfitta contro il Palermo, è retrocesso in Serie D, e sperare che il Monopoli batta il Catanzaro. 

 

Tabellino Avellino – Teramo 0-0

Avellino (3-5-2): Forte; Ciancio, Dossena, Illanes; Adamo (19′ st Rizzo), Carriero, De Francesco, D’Angelo (28′ st Errico), Tito; Santaniello (11′ st Fella), Maniero (28′ st Bernardotto). A disp.: Pane, Laezza, Miceli, Rocchi, Baraye. All.: Braglia.

Teramo (4-2-3-1): Lewandowski; Piacentini, Trasciani, Soprano, Cappa; Arrigoni, Lombardi (28′ st Mungo); Birligea (23′ st Pinzauti), Bombagi, Costa Ferreira; Kyeremateng (20′ st Di Francesco). A disp.: Valentini, Furlan, Ekue, Bellucci, Persiani, Gerbi. All.: Paci.

Arbitro: Alessandro Di Graci della sezione di Como. 

Note: Ammoniti: Trasciani per gioco falloso; De Francesco per comportamento non regolamentare; Tito per proteste; Carriero per proteste. Angoli: 6-4. Recupero: pt 0′, st 4′. Gara a porte chiuse.

- Advertisement -

Articoli correlati

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi l'articolo

Speciale Europei

Gli ultimi articoli

Newsletter

Subscribe to stay updated.

P