di Aniello Battaglia

L’andamento della partita è ben sintetizzato dall’allenatore avversario del Foggia mister Marchionni: Nonostante alla vigilia l’avessimo studiata bene, purtroppo è andata male. I biancoverdi rappresentano una squadra forte e oggi hanno dimostrato le sue qualità”.

Parole importanti da parte sua e che mettono in evidenza la supremazia dei ragazzi di mister Braglia. Con la vittoria di ieri l’Avellino rimane al secondo posto in classifica e agguanta il nono risultato utile consecutivo, il tutto ottenuto con qualità e destrezza che hanno visto in campo una certa unione del collettivo.

I ragazzi hanno sprigionato un forza da protagonisti forse aiutati dal sentire un calore della tifoseria stretta attorno ad essi e che li ha accolti con grande fervore all’entrata dello stadio prima della partita. Un poker rifilato ad una squadra blasonata come il Foggia, forse anche presa da una certa distrazione. Questo però non toglie meriti alla squadra di mister Braglia scesa in campo con determinazione e voglia di vincere.

Ormai hanno preso gusto i ragazzi di Braglia, e lo stesso mister, scherzando ha profferito: “Non vorrei pensassero di essere diventati troppo bravi, così volendo elogiare i suoi ma nel contempo l’invito a restare coi piedi per terra.

I ragazzi sono presi da una spinta incontenibile per i risultati raggiunti e quindi si trovano in una bolla di felicità e soddisfazione per il raggiungimento di certi traguardi. Questo posto di classifica va tenuto stretto e non sono ammesse distrazioni. Avanti così.

Potrebbe interessarti

Fantacalcio, le 5 rivelazioni del finale di stagione: riecco Dybala!

Nove giornate al termine del campionato, e leghe di fantacalcio pronte ad entrare concreta…