Tre anni esatti, eppure è come se fosse successo ieri. La morte di Davide Astori, il 4 Marzo 2018 ha lasciato in tutti noi un vuoto incolmabile. Era una persona corretta, normale, amato da tutti, dalla sua compagna Francesca, dalla sua piccola bambina Vittoria, dai suoi compagni di squadra, dai suoi allenatori, per la sua semplicità che rifletteva in campo ma sopratutto fuori dal campo.

La tragica scomparsa

Quella Domenica non la possiamo dimenticare, la notizia improvvisa che Davide è stato trovato morto in una camera di albergo di Udine dove la Fiorentina era in ritiro per disputare la propria partita resta scalfita nei cuori degli sportivi e del popolo fiorentino che tanto amava il suo capitano. Il decesso avvenne per una fibrillazione ventricolare dovuta a una cardiomiopatia aritmogena. Il Cagliari e la Fiorentina hanno ritirato la maglia numero 13 in suo onore.

La carriera di Davide

Un ottimo difensore centrale, mancino, con buona tecnica dotato di pregevole fisicità. Davide inizia la sua carriera nelle giovanili del Calcio San Pellegrino a soli 8 anni per poi trasferirsi all’età di 12 in quelle del Ponte San Pietro dove resterà 2 anni. In seguito verrà chiamato nelle giovanili del Milan dove Davide terminerà il suo percorso nella primavera per fare il salto di categoria. Nel 2006 arriva la chiamata del Pizzighettone, squadra ci C1, dove Astori cullerà 27 presenze siglando anche il suo primo goal tra i professionisti. Nel 2007 restando in suddetta categoria passa alla Cremonese dove Davide terminerà la sua avventura con 33 presenze

La Serie A

Nel 2008 viene acquistato dal Cagliari ed il 30 Novembre 2008 arriva la sua prima partita da titolare al Sant’Elia vinta dai sardi 1-0 contro la Sampdoria. Il difensore resterà in Sardegna per 6 anni, collezionando 174 presenze e 3 goal. Nel 2014 viene acquistato dalla Roma, avendo così la possibilità di fare il suo esordio in Champions il 17 Settembre contro il Cska Mosca. Al termine della stagione, con 24 presenze e 1 goal, si trasferisce alla Fiorentina. Nei viola Davide collezionerà 91 presenze e 3 goal prima di quel maledetto giorno.

La nazionale

Astori vanta 14 presenze in nazionale, collezionando nel suo Palmares il Bronzo della Confederations Cup in Brasile ottenuto dalla nazionale italiana nel 2013

Il ricordo di Zlatan Ibrahimovic in collegamento a Sanremo

Ieri l’attaccante svedese, collegatosi in diretta con il festival di Sanremo, ha voluto ricordare Davide con poche ma significative parole: “Un grande applauso per Davide Astori. Da tre anni che non c’è più ma è sempre con noi”. Queste le parole sincere dell’attaccante milanista.

Il tweet della Fiorentina e della Lega Calcio ed il commovente video ricordo del Franchi ieri al minuto 13

Vi proponiamo il toccante omaggio che la società viola e la lega hanno riservato ad Astori, ed il video omaggio della Fiorentina ieri al minuto 13 durante la partita con la Roma

Ciao Davide

Clicca qui per vedere l’omaggio al Minuto 13 durante la partita tra Fiorentina e Roma per Davide Astori

 

 

 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti

Samdoria – Verona: le formazioni ufficiali

Al Marassi di Genova in contemporanea col match dell’Ezio Scida tra Crotone e Udines…