FONTE UFFICIO STAMPA AFRAGOLESE 1944

Termina 2-2 una bella gara tra Afragolese e Gladiator, due tra le squadre più attrezzate del girone. Tanto rammarico tra le fila dei padroni di casa, che hanno visto dilapidare il doppio vantaggio maturato dopo 35 minuti, mentre il Gladiator ha avuto il merito di crederci, restando in partita anche quando la pratica sembrava chiusa. I nerazzurri sono stati bravi ad accorciare subito le distanze ed a trovare il pareggio nella ripresa. Nel primo tempo ci provano prima gli ospiti con l’ex Di Paola, che prova il tiro dalla distanza senza trovare la porta, così come Mansour, che poco dopo non centra il bersaglio con un destro dal limite. Al quarto d’ora una punizione dei 30 metri di maggio viene respinta dalla barriera, con Conte che si ritrova la palla tra i piedi ma spara sul portiere da ottima posizione. Tre minuti dopo è la volta di un altro ex rossoblù, Nicolas Pesce, che conclude di poco a lato. Al 24’ si sblocca il match: contropiede fulmineo dell’Afragolese: Follera lancia Mansour che parte da sinistra, supera due avversari ed appoggia alle spalle di De Lucia la rete dell’1-0. Poco dopo i nerazzurri potrebbero subito pareggiare ma Spilabotte controlla male a tu per tu con Pezzella, che riesce a bloccare la sfera. Al 28’ afragolesi vicini al raddoppio con Maggio che riceve da Conte e calcia con il destro esaltando i riflessi di De Lucia, che salva il risultato. Al 35’ raddoppiano i padroni di casa: Punizione da sinistra di Vitello per l’incornata di Maggio a centro area: nulla da fare per l’estremo difensore sammaritano. Reagisce alla grande il Gladiator, che accorcia immediatamente le distanze tre minuti dopo con Cerrato, che di testa su cross da sinistra di Lombardi insacca alle spalle di Pezzella. Termina così sul 2-1 per i locali la prima frazione di gioco. Nella ripresa i rossoblù potrebbero chiudere i conti con una doppia occasione: prima Conte in rovesciata trova un pallonetto che viene sventato dal portiere avversario proprio sulla linea di porta, poi Alfano da due passi trova ancora una volta uno strepitoso De Lucia a dire di no. Al 24’ il pari nerazzurro: Di Paola va via sulla sinistra e crossa per la testa di De Rosa, che sul secondo palo trova lo spiraglio giusto per battere per la seconda volta Pezzella: 2-2 e tutto da rifare. Col passare dei minuti la gara cala di ritmo. Marzullo ci prova dalla trequarti sfruttando il posizionamento non perfetto del portiere, ma non riesce a trovare il bersaglio. Il fantasista rossoblù ci prova di nuovo all’87’, ma spara alto. Nel finale i padroni di casa rischiano addirittura di capitolare, ma il neo entrato Manzi di testa manda fuori da pochi passi in seguito ad un corner. Finisce così 2-2 una bella partita: pari che lascia non pochi rimpianti all’Afragolese.

Afragolese – Gladiator 2-2

Afragolese: Pezzella, Ceparano, Vilardi, Pontillo, Follera, Di Finizio, Conte (27’st Marzullo), Alfano, Maggio (30’st Carotenuto), Mansour, G. Vitiello (45’st Angelillo). A disp. Paolella, Rea, Ferraro, Di Fraia, Pistone, Porricelli. All. Seno.
Gladiator: De Lucia, Landolfo, Lombardi (39’st Bottigliero), A. Vitiello, Caccia, Viglietti, Di Paola (43’st Capobianco), Pesce (5’st Di Pietro), Spilabotte (34’st Manzi), Cerrato, De Rosa (29’st Celio). A disp. Merola, Andreozzi, Canale, Zawko. All. Sannazzaro.
Arbitro: Andolfi di Ercolano (Ferrara e Martinelli di C. Stabia)
Reti: 24’pt Mansour, 35’st Maggio, 38’st Cerrato (G), 23’st De Rosa (G).
Note: Spettatori 1000 circa. Ammoniti Pontillo, Follera, Maggio (A); A. Vitiello, Bottigliero, Celio (G). Recupero 2’pt, 4’st. Angoli 3-1.

 

Potrebbe interessarti

ESCLUSIVA / Il procuratore Salvio Pietroluongo della SF Managment

MONTE DI PROCIDA. Il mese di dicembre è un mese molto caldo, non solo per via della festa …