Ospitare la fase finale di un mondiale di calcio è sempre un grande evento, dopo 56 anni dall’unica altra volta toccava all’Italia. La gara d’esordio era prevista per l’8 giugno al “Meazza” di Milano, di fronte si sarebbero trovate l’Argentina campione del mondo uscente e il Camerun. Era, quindi, nella “sua” Italia che Diego Armando Maradona era chiamato a difendere il titolo di “Re del Mondo” conquistato quattro anni prima in Messico, l’esordio sembrava più che abbordabile contro gli africani, che tornavano ad una fase finale per la seconda volta dopo la per noi fortunata edizione del 1982. Come sempre, il campo sovvertì il pronostico e maturò la prima grande sorpresa del torneo. La manovra platense non era fluida, gli attacchi si scontravano contro la fisica e anche ruvida difesa degli africani che, con il trascorrere del tempo, acquisivano fiducia e coraggio, tanto da supplire anche all’inferiorità numerica per l’espulsione di André Kana Biyik. Al 67’ si concretizzò il risultato, e la sorpresa, quando su un cross dalla sinistra François Omam – Biyik si arrampicò in cielo e beffò Neri Pumpido con un colpo di testa lento ma preciso. La reazione argentina produsse solo confusione, senza sfruttare nemmeno gli ultimi minuti quando il Camerun restò in nove per l’espulsione di Benjamin Massing. Il mondiale iniziava male per il Pibe de Oro.

Il tabellino

Queste le formazioni:

Milano – Stadio “G. Meazza” – 8 giugno 1990 – ore 18.00

Argentina: Pumpido, Simon, Ruggeri (46’ Caniggia), Fabbri, Sensini (70’ Calderon), Lorenzo, Batista, Burruchaga, Basualdo, Maradona, Balbo. CT: Carlos Bilardo

Camerun: N’Kono, Ebwelle, Massing, Kunde, N’Dip, Tataw, M’Bouh, Kana-Biyik, Makanaki (81’ Milla), M’Fede (66’ Libiih), Omam-Biyik. CT: Valerij Nepomnyashchiy

Arbitro: Michel Vautrot (Francia)

Ammoniti: Sensini (Arg), Massing (Cam), N’Dip (Cam), M’Bouh (Cam)

Espulsi: 61’ Kana-Biyik (Cam), 87’ Massing (Cam)

Marcatori: 67’ Omam-Biyik (Cam)

Le immagini

Potrebbe interessarti

Europa League, tutti i risultati finali: la Roma in semifinale

Era diventata una vera missione quella della Roma in Europa League, quella di mantenere al…