C’erano tanti sogni che aspettavano di realizzarsi durante le Notti Magiche al mondiale di Italia ’90. In quel mondiale casalingo, la tensione del pronostico favorevole e alcuni problemi di condizione non avevano reso particolarmente brillante il gioco azzurro. Ma lo sbocciare di Roberto Baggio e soprattutto la prolificità al momento giusto di Totò Schillaci ci aveva portato fino alla semifinale.

Tifosi divisi

Qui, a Napoli, città fortunata per i nostri colori, ad aspettare l’Italia c’era l’Argentina campione del mondo uscente, ma soprattutto la squadra di Diego Armando Maradona, che di Napoli era il re riconosciuto e incontrastato. Proprio Maradona aveva trasportato di peso fin lì la sua squadra, nel resto mediocre, e quella sera si preparava alla più clamorosa delle beffe.

La partita

Da subito l’Italia, condizionata dalle scelte del CT Azeglio Vicini, che lasciò fuori l’ottimo Baggio per l’acciaccato Gianluca Vialli, non parve brillante, ma pure andò subito in vantaggio grazie alla prontezza del solito Schillaci. La partita continuò convulsa e abbastanza aggrovigliata su sé stessa, all’improvviso arrivò il pareggio platense, quando a venti minuti dalla fine su cross di Julio Olarticoechea un’incertezza di Walter Zenga in uscita permise a Paul Caniggia di siglare il pari. Il punteggio non mutò più, gli azzurri subirono il contraccolpo e non approfittarono della superiorità numerica nei supplementari per l’espulsione di Ricardo Giusti, si andò ai tiri di rigore, e qui San Gennaro si prese alcuni fatali minuti di distrazione. Gli argentini furono perfetti, gli azzurri, ormai demoralizzati, si scontrarono contro la vena di Sergio Goycoechea, che parò i tiri di Roberto Donadoni e Aldo Serena. Maradona trionfava nella sua città.

Il tabellino

ITALIA – ARGENTINA 1-1 (3-4 dcr)

Napoli – Stadio “San Paolo” – 3 luglio 1990 – ore 20.00

Argentina: Goycoechea, Ruggeri, Olarticoechea, Simon, Serrizuela, Basualdo (95’ Batista), Burruchaga, Giusti, Caniggia, Maradona, Calderon (46’ Troglio). CT: Carlos Bilardo

Italia: Zenga, Bergomi, Maldini, Baresi, Ferri, De Agostini, Donadoni, De Napoli, Schillaci, Giannini (75’ Baggio), Vialli (70’ Serena). CT: Azeglio Vicini

Arbitro: Michel Vautrot (Francia)

Ammoniti: Giannini (Ita), Batista (Arg), Olarticoechea (Arg), Caniggia (Arg), Ruggeri (Arg)

Espulso: 103’ Giusti (Arg)

Marcatori: 17’ Schillaci (Ita), 67’ Caniggia (Arg)

Sequenza rigori: 0-1 Baresi (Ita), 1-1 Serrizuela (Arg), 1-2 Baggio (Ita), 2-2 Burruchaga (Arg), 2-3 De Agostini (Ita), 3-3 Olarticoechea (Arg), 3-3 Donadoni (Ita) parato, 4-3 Maradona (Ita), 4-3 Serena (Ita) parato.

Il video

La ricostruzione in immagini di una delle partite che hanno segnato la storia moderna della nostra nazionale.

Potrebbe interessarti

Accadde Oggi | 12 agosto 2014: derby spagnolo in Supercoppa

Fu ancora un derby spagnolo quello che caratterizzò l’assegnazione della Supercoppa europe…