Nel calcio italiano degli anni Venti giganteggiava la Pro Vercelli, squadra di provincia capace di competere con il Genoa, altra grande dell’epoca, e di tenere testa alle grandi squadre che ancora si stavano costruendo il futuro (Inter, Juventus, Milan). Non esisteva ancora il girone unico, ma c’era un continuo fermento innovativo che esaltava la litigiosità dei nostri dirigenti, caratteristica negativa peculiare anche oggi. Da più parti si invocava la diminuzione delle squadre, la realtà era che il calcio aveva una gestione periferica e non centrale, decidevano, cioè, i comitati regionali, per cui le iscritte aumentavano anziché diminuire.

Uno strano campionato

Affidato a Vittorio Pozzo il compito di una riforma, essa fu rifiutata, e al termine di quella stagione ci sarebbe stata la scissione. Intanto quel campionato, che sarebbe iniziato il 19 novembre 1920, vide la sua finale disputarsi nella canicola del 24 luglio 1921. Dopo una infinita serie di gironi con squadre che non si sarebbero mai più viste (Nazionale Emiliana, Rivarolese, Ausonia Pro Gorla, Nazionale Lombarda, Enotria Goliardo, per citare quelle dal nome più “esotico”, ma anche il dilettantismo dell’epoca), alla finale nazionale giunsero la Pro Vercelli e il Pisa.

La finale

La gara fu equilibrata e non scontata, i piemontesi, forti anche del maggiore tifo giocandosi a Torino, si avvantaggiarono di una prima superiorità numerica per l’infortunio del pisano Gnerucci, poi, dopo il vantaggio vercellese di Ceria e il pareggio su rigore di Sbrama I, la Pro ritornò in vantaggio con Rampini II e portò a casa il risultato controllando il gioco, grazie a una ulteriore superiorità numerica per l’espulsione del pisano Viale, con il risultato limitato grazie anche alle eccezionali parate del goal-keeper nerazzurro Mario Gianni. La Pro Vercelli, alla fine, festeggiò il sesto titolo di campione d’Italia.

Il tabellino

Questo il tabellino della finale:

PRO VERCELLI – PISA 2-1

Torino – Stadio “Filadelfia” – 24 luglio 1921 – ore 17.30

Pro Vercelli: Curti, Rosetta, Bossola, Ara, Parodi, Perino, Ceria, Ardissone, Gay, Rampini, Borello. All.: Giuseppe Milano

Pisa: Gianni, Bartolini, Giuntoli, Gnerucci, Tornabuoni, Viale, Sbrana, Merciai, Corsetti, Colombari, Pera. All.: Joszef Ging

Arbitro: Fortunato Olivari di Genova

Espulsi: 65’ Viale (Pisa)

Marcatori: 45’ Ceria (Pro), 47’ Sbrana I (Pisa) rig., 65’ Rampini I (Pro)

Potrebbe interessarti

Accadde Oggi | 26 settembre 1964: per la prima volta un’italiana sul tetto del mondo

Quella del 1964 era la quinta edizione della Coppa Intercontinentale, che metteva di front…