di Francesco Monaco

Il Coronavirus ha sancito la parola “fine”per quasi tutte le competizioni calcistiche italiane. Al termine del lockdown tanti calciatori avevano il desiderio di riprendere ad allenarsi, nonostante i campionati finiti. Sia per un fabbisogno fisico, ma soprattutto per ritornare in quel rettangolo verde a fare ciò che più si ama. Cosi, a seguito del protocollo attuativo della FIGC, è nato a Pagani (Sa) un progetto di allenamenti di calcio individuale. L’ACI, con lo scopo di far allenare e divertire, per un mese, calciatori professionisti e non.

Lo staff

Questo progetto è partito grazie all’idea di un team di allenatori e laureati in Scienze Motorie: Gianluca Moscariello (laureato in Scienze Motorie ed istruttore di I° livello), Giovanni Langella (allenatore UEFA B dal 2011, viceallentore in C con Pisa, Gavorrano, Lucchese ed Andria e campione in serie D con Venezia ed Andria) , Vincenzo Scoppetta (allenatore Uefa B dal 2007), Gabriele Volpicelli (Diplomato “ISEF”) e Antonio D’Orlando (Laureato in Scienze Motorie e istruttore cultura fisica).

Grazie all’ACI tantissimi calciatori hanno avuto la possibilità, di ritornare in campo per svolgere un dettagliato piano di allenamenti sia dal punto di vista fisico che tecnico-tattico, sotto la guida dell’eterogeneo staff sopra descritto. Il progetto è durato un mese (dal 9 Giugno al 9 Luglio) ed ha rispettato tutte le normative anti Covid, con la divisione degli spazi sia in campo che in tutta la struttura di allenamento, al fine di tutelare la salute di ognuno.

Volti noti

Tanti volti noti del calcio campano hanno aderito al nuovo progetto ACI. Basti pensare che il 30% degli iscritti è stato composto da attuali giocatori di Lega Pro, Serie D, Eccellenza e Promozione. Per citarne alcuni: il difensore della Paganese (Serie C) Giulio Carotenuto. O alcuni calciatori di serie D, Luigi Tagliamonte, Nunzio Crispini, Raffaele Stoia e Francesco Vatiero.

Tutti i membri dello staff, a fine percorso, si son detti soddisfatti del lavoro svolto e contenti dei miglioramenti sopratutto fisici dei giocatori. Gli stessi calciatori hanno manifestato, a loro volta, approvazione per quanto riguarda i metodi applicati, la professionalità del gruppo di lavoro, ma soprattutto sono stati grati per questa preziosa opportunità concessa.

Gianluca Moscariello, responsabile organizzativo e membro dello staff tecnico ACI, ha espresso così tutta la sua soddisfazione: “Dispiace che questo mese sia passato così in fretta. È stata un’esperienza bellissima e un grande successo a livello territoriale, siamo riusciti a creare una bella realtà e soprattutto un punto di divertimento e di crescita individuale per i giovani calciatori”.

Il percorso ACI continuerà fino al 31 Luglio con allenamenti personalizzati a gruppi di 5.

Potrebbe interessarti

Calciomercato Campania LIVE | Trattative e ufficialità del 12 agosto 2020

Pagina a cura di Claudio Musella, Alfonso Fondacaro, Francesco Gala ed Isabella Lamberti S…