Siamo in quarantena ormai da molti giorni e diversi altri se ne prevedono all’orizzonte. La tensione sale, ed insieme ad essa l’insofferenza. Non ci si focalizza su quanto si può fare di buono tra le mura domestiche ma su quello che in questo momento ci è negato.

Nella confusione generale che ci causa questa inattesa pandemia, molte persone sono colpite da stress e panico che sfocia nell’incapacità di gestire le emozioni. In molti casi questi stati d’animo vengono soppressi attraverso l’assunzione di cibo che agendo sui centri nervosi, stimola la dopamina, così come agiscono le sostanze stupefacenti, creando un senso di gratificazione, tranquillità e benessere momentaneo. Questo meccanismo, in una fase della vita in cui siamo più deboli, potrebbe tradursi in un’alterazione costante del comportamento alimentare.

L’assuefazione e la dipendenza da cibo iniziano da bambini e quindi occorre cercare di essere consapevoli di quanto dannose siano certe abitudini alimentari, che nello svilupparsi potrebbero portare a problemi di salute ben più gravi. L’obiettivo è quindi porre più attenzione a tavola. Per evitare un disastro del genere è indispensabile l’aiuto di parenti, genitori o di chi gestisce la cucina, affinché si possano tenere a freno le richieste dei più piccoli, costretti in casa. Focalizzarsi sul benessere familiare, è cosa buona e giusta e come dice Hemingway: “Ora non è il momento di pensare a quello che non hai. Pensa a quello che puoi fare con quello che hai”. L’unione fa la forza.

Per aiutare i giovani in questa problematica, ci vengono in soccorso alcuni suggerimeni utili dei responsabili del progetto: “I Giovani prima di tutto”.  Marco Grande, Domenico Salatiello, Fabrizio Pedalino, facendo tesoro degli innumerevoli convegni e clinic tenuti da esperti del settore medico e di nutrizione.

“I Giovani prima di tutto” è una realtà sportiva che ormai da mesi si sta facendo strada tra i piccoli calciatori. L’allenamento si svolge il lunedì presso la struttura ROYAL PARK CLUB dalle ore 16:00 alle 18:00, in via Raffaele Ruggiero, 209 ad Agnano (NA).

Il motto dei 3 allenatori è l’Allenamento è il Re e la Nutrizione la Regina.

A tavola occorrono alcuni semplici regole basate sulla dieta mediterranea che è patrimonio dell’Unesco. Regole che sono costantemente aggiornate ed oggetto di studio di professionisti del settore.

Mangiare troppo o in maniera scompensata potrebbe creare problemi di sovrappeso ed inficiare sulle prestazioni sportive fututre.

Come evitare che questo accada?

Innanzitutto, coinvolgere i ragazzi nella preparazione dei cibi, facendo si che si rendano conto realmente di quello che stanno per assumere può essere motivante per i ragazzi che si responsabilizzano nel preprare i loro piatti, è un’attività sicuramente creativa e stimolante, e lo scegliere insieme alla propria famiglia cosa cucinare, con una dovuta pianificazione, ne fa crescere l’autostima e ne soddisfa il desiderio di affetto parentale.

Molta attenzione deve essere data alla colazione. Nonostante molti la trascurino, essa favorisce il recupero delle energie consumate durante il sonno, aiuta la crescita muscolare e prepara all’apprendimento ed allo sforzo fisico.

Per il pranzo: un pasto normale composto da carboidrati (primo piatto) con un secondo leggero (bresaola, carne bianca, ecc.), verdure e frutta.

Per la cena: Un bel preparato o crema di verdure, carni bianche (tacchino, pollo) ed un paio di volte a settimana carni rosse o uova, tutto accompagnato da verdure.

Importantissimo: Idratarsi durante tutto l’arco della giornata, BERE tanto e a più riprese e non dimenticare piccoli spuntini nutrienti e leggeri.

Punto di forza della riuscita del programma alimentare è variare con odori, sapori, colori, usare fantasia e rendere tutta la famiglia partecipe alla creazione di ricette salutari. Il cibo inoltre, va presentato in maniera attraente, gradevole e succulenta anche quando si tornerà alla normalita.

Forza genitori, Forza parenti, Forza tutori, Forza ragazzi, mettiamocela tutta per gioire  senza esagerare quando mangiamo!

Potrebbe interessarti

Luigi Corona e Annalisa Di Giammarino: una guida verso la ripresa

Il lockdown è momentaneamente terminato, ma tanti sono i dubbi e le incertezze che hanno s…