Poker della Roma al San Paolo: il Napoli arresta la corsa scudetto

Scritto da il 3 marzo 2018
Print Friendly, PDF & Email

NAPOLI – ROMA 2-4

NAPOLI (4-3-3): Reina, Hysaj, Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Allan, Jorginho (75’ Milik), Zielinski (65’ Hamsik); Callejon, Mertens, Insigne. A disp.: Sepe, Rafael, Diawara, Machach, Maggio, Milic, Ounas, Rog, Tonelli. All.: Sarri

ROMA (4-3-3): Alisson, Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov; Nainggolan, De Rossi (88’ El Shaarawy), Strootman; Under (72’ Gerson), Dzeko, Perotti (80’ Pellegrini). A disp.: Skorupski, Lobont, Capradossi, Defrel, Gonalons, Juan Jesus, Peres, Schick, Silva. All.: Di Francesco

ARBITRO: Massa di Imperia

ASSISTENTI: Meli – Tegoni

VAR: Fabbri – Ranghetti

IV UOMO: Pairetto

MARCATORI: 6’ Insigne (N), 7’ Under (R), 26’ e 73’ Dzeko (R), 79’ Perotti (R), 92’ Mertens (N)

AMMONITI: Mertens (N); Fazio, Dzeko (R)

Pesa come un macigno la vittoria della Juventus in casa della Lazio, per come è arrivata. Se i calciatori del Napoli hanno visto la partita dell’Olimpico difficile non patirne il risultato, ottenuto dai bianconeri a 15 secondi dalla fine. Sarri schiera l’undici “di serie” fatta eccezione per Zielinski che gioca al posto di capitan Hamsik. Di Francesco riesce ad inserire Nainggolan nella formazione titolare e Perotti che vince il ballottaggio con El Shaarawy. Anche i giallorossi hanno bisogno di punti per la lotta Champions.

La prima fiammata è di matrice giallorossa. Palla recuperata sulla trequarti azzurra, Nainggolan scucchiaia per Perotti che di testa mette alto da buona posizione. Al terzo minuto risponde subito il Napoli con Insigne, che raccoglie un filtrante e si ritrova a tu per tu con Alisson ma il tiro del frattese è debole. Al 6’ passa in vantaggio il Napoli. Azione sulla sinistra con palla bassa di Mario Rui per Insigne che tira di prima e batte Alisson piazzando nell’angolini. Un minuto dopo la Roma trova subito il pareggio. Palla persa dallo stesso Insigne, Nainggolan serve Under il quale beffa Reina, grazie ad una deviazione che spiazza lo spagnolo. Al 9’ la reazione azzurra. Mertens a giro dall’angolo dell’area: palla alta di poco. Due minuti dopo il belga mostra il repertorio dalla distanza: Alisson mette in angolo. Al 17’ Napoli vicino al nuovo vantaggio. Prima Insigne raccoglie l’appoggio di Callejon e calcia di prima, Alisson respinge su Zielinski: destro ribattuto da Manolas. Al 25’ Insigne ci prova col suo marchio di fabbrica, il tiro a giro, ma la palla si spegne fuori di pochissimo. Nel momento migliore dei partenopei arriva la beffa ospite: cross di Florenzi dalla destra per la testa di Dzeko che anticipa Albiol e prende Reina in controtempo. La risposta azzurra arriva al 31’ con Mertens che prova un diagonale che termina fuori di un soffio dopo essere passato tra le gambe di Manolas.

Il Napoli riparte col piede giusto ed il San Paolo è una bolgia. Al 50’ ha una buona occasione Callejon che calcia al volo una deviazione della difesa ospite: palla fuori. Al 58’ miracolo di Alisson che respinge in angolo una botta di Insigne da distanza ravvicinata. Al 63’ si fa vedere la Roma con Dzeko che anticipa tutti su azione da calcio d’angolo: palla fuori di poco. Al 65’ grandissima giocata di Insigne che converge dalla sinistra, salta due avversari e prova il destro a giro che sfiora il palo. Al 73’ Dzeko fa doppietta: contropiede giallorosso con Kolarov che serve il bosniaco, il quale salta Mario Rui e scaglia un gran sinistro a giro che si insacca a fil di palo. Entra Milik per Jorginho, Sarri prova il tutto per tutto. Al 76’ Insigne si imbatte ancora in Alisson che ancora una volta gli nega il gol respingendo un tiro a botta sicura. Al 79’ la Roma chiude i giochi calando il poker: crosso dalla sinistra respinto male di testa da Mario Rui, Perotti mette in rete un rigore in movimento. All’83’ punizione in area per il Napoli dopo che Alisson ha toccato con le mani un retropassaggio. La conclusione di Mertens viene respinta da Florenzi sulla linea. La partita si spegne qui ma c’è tempo per vedere ancora un gol. In pieno recupero Mertens accorcia le distanze con un bel destro dal limite dell’area. Ultima emozione prima del fischio oltre al San Paolo che applaude la squadra nonostante la sonora sconfitta.

Brutta batosta per il Napoli dopo la vittoria della Juventus. Azzurri ancora primi ma con una gara in più. Lo scontro diretto all’Allianz Stadium sarà ancor piu decisivo.

Claudio Musella

© Copyright 2018 redazione, All rights Reserved. Written For: Il Corriere del Pallone

Info redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

CONDIVISIONI