Cavese-Potenza, inizia in salita il cammino degli aquilotti

Scritto da il 5 settembre 2017
Print Friendly

Le dichiarazioni post partita – Mister Bitetto: “Scusa…. non c’e altro da fare che chiedere scusa alla tifoseria e alla società”.

 

CAVA DE’ TIRRENI (servizio di Nello Bisogno) – Conclusasi l’era di Domenico Campitiello, la squadra metelliana è passata ufficialmente ad una cordata di imprenditori locali che subentrano al presidente uscente: la Cavese è ritornata quindi nelle mani di imprenditori cavesi. Molti di loro già in passato sono stati membri della società aquilotta. Tra di loro Antonio Fariello, ex Presidente della Cavese dal 2005 al 2011 nel campionato di C1. Insieme a Fariello sono ritornati Franco D’Amico e Virno, già accanto a lui proprio nei periodi della sua presidenza. Per la panchina al timone della squadra è stato chiamato mister Leonardo Bitetto, un’altra vecchia gloria ed ex giocatore della Cavese ai tempi della serie B. Era questa la soluzione auspicata dalla piazza e dalla tifoseria organizzata, dato che con il presidente uscente non è mai scattato il feeling. Paradossalmente tutto ciò è avvenuto nonostante la Cavese di patron Campitiello ha disputato due campionati di vertice. Fatta un po’ di chiarezza sulla nuova società metelliana, dato il silenzio estivo su queste colonne, passiamo all’attualità e al nuovo campionato di serie D che la squadra metelliana andrà ad affrontare. La Cavese “dei cavesi” domenica scorsa esordiva  in campionato al Simonetta Lamberti contro il Potenza, una delle compagini meglio attrezzate per la vittoria finale del torneo. La squadra di mister Bitetto, rinnovata per 11/11, si presentava ai nastri di partenza del girone H della Serie D già incerottata. Il tecnico bianco blu, infatti, ha dovuto rinunciare all’esperto centrocampista Manzo, per squalifica, e al difensore Santeramo, fermo per infortunio. Esordio più amaro non poteva esserci: i potentini di mister Ragno calano il tris e fanno bottino pieno. Il campionato della Cavese inizia subito in salita, ma se è vero che il cammino è lungo e che c’e ancora tanto da lavorare, è altresì vero che urge correre ai ripari e potenziare una rosa modesta e già in affanno. Nella sala stampa del “Simonetta Lamberti”, a fine partita, la prima cosa che mister Bitetto sente di fare è quella di chiedere scusa a tutti. Queste le sue prime dichiarazioni ai cronisti: “Le uniche parole che mi sento di dire al momento sono soltanto quelle di chiedere scusa a tutti i tifosi e alla società, perché comunque non era assolutamente nostra intenzione, e capacità pure, di perdere la prima in casa e perdela in malo modo anche. Sconfitta arrivata per degli episodi e per nostra negligenza, che poi hanno aggravato ulteriormente l’andamento della gara – il tecnico biancolbu tira un sospiro e poi continua – Scuse…, ci sono soltanto queste: chiediamo scusa a tutti”. A chi gli chiede di Marruocco e dei suoi errori, (suoi gli strafalcioni che hanno causato la sconfitta), quindi capro espiatorio di giornata, della scelta tecnica e di una conferma di fiducia, mister Bitetto risponde così: “Non capisco se vuole fare polemica oppure no. Marruocco è il portiere titolare e ha giocato già le altre partite. Poi se si commettono errori così evidenti, e credo che lui ne è a conoscenza di questo, è anche facile fare domande come questa. Non mi sembra opportuno, però, parlare di questa cosa. Comunque non ho visto grosse grosse difficoltà, sia nel primo tempo che nel secondo. Fino all’eroraccio del calcio di rigore credo che non abbiamo mai subito piu di tatno gli avversari, ne tantomeno il Potenza abbia creato chissà quali situazioni per farci del male: ci siamo fatti male da soli”. Soddisfatto ma cauto, mister Nicola Ragno: “Penso che aspettarsi una vittoria così netta uno se lo augura, ma è chiaro che è impensabile quando s’incontrano due squadre forti. Forse la superiorità numerica ci ha dato la possibilità di prevalere sulla Cavese almeno nella seconda parte. Alla squadra ho detto che ci sono da giocare 34 battaglie: inutile negare che abbiamo ottenuto una vittoria importante su un campo difficilissimo e contro un organico di primissima scelta, però bisogna restare con i piedi per terra. Da martedi si torna subito a lavorare e a studiarci l’avversario di domenica prossima”. Cala il sipario sul “Simonetta Lamberti” e sulla prima della Cavese: la squadra metelliana perde il match e in un sol colpo due pedine fondamentali, D’Alterio e Oggiano, che dopo le rispettive espulsioni salteranno il prossimo turno nel difficile derby contro la Turris. Allo stadio “Liguori” di Torre del Greco per la Cavese non sarà certo una passeggiata: una dura battaglia aspetta gli uomini di mister Bitetto!

© Copyright 2017 Aniello Bisogno, All rights Reserved. Written For: Il Corriere del Pallone

Info Aniello Bisogno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CONDIVISIONI