Angri, si lavora per giocare allo Spirito

Scritto da il 19 ottobre 2017
Print Friendly

Sul campo “neutro” di Tramonti l’Angri vince per uno a zero contro la compagine Poseidon, conquistando,finalmente, tre punti che mancavano da troppo tempo. La partita è stata in bilico per tutti i novanta minuti, decisa solamente nel finale dal bomber Fabio D’Antonio (subentrato nella ripresa) che con uno splendido diagonale raso terra ha regalato la gioia della vittoria a centinaia di tifosi doriani accorsi al “comunale”. Si, per la prima volta in stagione, l’Angri ha potuto godere anche del prezioso appoggio dei supporters sulle tribune “casalinghe” di Tramonti (in questo caso), in attesa di nuovi risvolti per quanto riguarda la vicenda stadio; aspettando l’inizio dei lavori di restyling del “Pasquale Novi”, la società sta cercando di ottenere il consenso per giocare sul campo “A.Spirito” di Sant’ Egidio Del Monte Albino, evitando, cosi, problemi logistici ai numerosi appassionati doriani i quali vorrebbero, invece, la riapertura dell’impianto cittadino almeno fino a quando non saranno cominciate le attività di restauro. “Tutti sono a conoscenza dell’importanza dei nostri tifosi e pur giocando in campo neutro la nostra ennesima partita casalinga, siamo contenti che la squadra possa avvalersi del supporto dei tifosi” ha affermato il co-patron Carmine La Pepa. In campo l’Angri ha giocato alla sua maniera, tenendo il pallino del gioco a suo favore pur rischiando qualcosa nella ripresa, concedendo al Poseidon (squadra imbattuta fino ad ora) alcuni contropiedi pericolosi. Il tecnico Antonino Gargiulo però è contento soprattutto per il bottino pieno incassato (che il più delle volte si è visto sfuggire) oltre che per la vogliosa e caparbia prestazione che la sua squadra, d’altronde, esprime ogni settimana: “Abbiamo rischiato di non vincere nonostante il gioco prodotto ma devo dire ancora una volta grazie ai miei ragazzi perché ci hanno creduto fino alla fine con una caparbietà che gli riconosco”. La classifica vede adesso salire il cavallino rampante a nove punti, ma potevano certamente essere di più secondo il tecnico: “Oggi la classifica non rende merito a quanto fatto vedere in campo e credo che tutti possano riconoscere che ci mancano dei punti ma non è nostro costume lamentarci, abbiamo vinto una gara importante per l’intero ambiente”. Nel prossimo impegno l’Angri dovrà misurarsi contro la seconda testa di serie del campionato, la Scafatese, ma non ha alcuna intenzione di arrestare il suo momento

positivo.

Francesco Monaco

© Copyright 2017 redazione, All rights Reserved. Written For: Il Corriere del Pallone

Info redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CONDIVISIONI